AMBIENTE: E’ MAI STATO PEGGIO DI COSI’?

Nell’epoca del pessimismo nostalgico è difficile ragionare sui dati ambientali. A giudicare dalle informazioni fornite dai media, la situazione sembra sull’orlo del collasso. Potrebbe andare peggio di così? Gli adulti trasmettono ai giovani ricordi nostalgici dei bei tempi andati: una vola il cibo era sano, l’aria pulita e c’era rispetto per l’ambiente naturale.
Ma è vero? Non è una questione filosofica, bastano alcuni dati per rispondere (la fonte è Ambiente Italia).
Cibi genuini: in Italia nel 1994 70.674 ettari erano destinati all’agricoltura biologica, nel 2009  1.106.683.
Qualità dell’aria: in Italia nel 1990 le emissioni di piombo in atmosfera erano 4372 tonnellate annue, nel 2008 279, le diossine erano 472 grammi nel 1990 e 324 grammi nel 2008. Le sostanze responsabili delle piogge acide erano 111.000 tonnellate annue nel 1996, 59.000 nel 2006.
Ambienti naturali: la superficie coperta da boschi nel nostro paese è aumentata circa del 30% negli ultimi 50 anni; nel secondo lago italiano, il lago Maggiore, la concentrazione di fosforo reattivo è pari a un terzo dei valori del 1980. Nello stesso periodo, il territorio protetto (parchi e riserve naturali) è decuplicato.
L’energia elettrica prodotta con il fotovoltaico nel nostro paese l’anno scorso è stata pari a quella che avrebbe prodotto una centrale nucleare.
Vent’anni fa nessuno avrebbe immaginato tutto ciò, tanto meno i pessimisti, già numerosi.
Strano? Non tanto, perché l’impegno degli ambientalisti è utile e produce cambiamenti profondi nella società e nell’economia. Se così non fosse, che senso avrebbe l’attività ambientalista? Ci diamo da fare per cambiare le cose che possono essere cambiate e i fatti ci danno ragione.
Allora tutto bene?
No, c’è ancora molto da fare. L’aria contiene tuttora molti inquinanti che possono essere ridotti, come s’è fatto per il piombo, ci sono laghi ancora in pessimo stato, come il lago d’Iseo. Il consumo di suolo è stato devastante, negli ultimi vent’anni. Alcuni fiumi sono fogne a cielo aperto, come il Mella. Tutti problemi tecnicamente risolvibili.
Sono problemi di cui fra dieci anni si potrà parlare come oggi si parla di quelli del passato ormai risolti?
Dipende da noi.

Paolo Vitale

Read More

LA DECRESCITA FELICE E’ UN’ UTOPIA, MA LA CRESCITA INFELICE E’ UNA FOLLIA.

Note a margine dell’articolo di Gianluca Delbarba dal titolo:  “Quando non basta dire no”, pubblicato su Oltregibilterra il 5 luglio 2011.

Gianluca ha lanciato su questo sito una provocazione intelligente e stuzzicante, evocando dubbi che spesso vengono enunciati, ma troppo raramente approfonditi.

Ci si chiede:
- oggi la sinistra italiana non rischia di porsi come la parte politica che, seppure per difendere ideali e valori nobilissimi,  si oppone molto e propone poco? Non rischia di porsi in termini puramente conservativi, rifiutando la sfida con la modernità?
- In particolare, le convinzioni di coloro che, anche nel PD, hanno individuato nella tutela dell’ambiente e del territorio la nuova frontiera avanzata della azione politica, non rischiano di accreditare l’immagine di una sinistra che vagheggia un improponibile “ritorno al passato” , attratta dalla idea che una “decrescita felice” sia possibile se non auspicabile?
- E ancora, il movimentismo ambientalista non rischia spesso di cadere nelle distorsioni del “non nel mio giardino”, non rischia talvolta di tradursi in irrazionale populismo?

Read More

Programmazione urbanistica in Provincia di Brescia: è necessario cambiare rotta.

Ricordo che negli incontri a cui partecipavo durante le Primarie per l’elezione del Segretario Provinciale del PD, parlando di salvaguardia del territorio ripetevo come una sorta di mantra che “con l’urbanistica non si deve fare cassa”.
Intendevo denunciare quella posizione diffusa tra molti amministratori, anche di centrosinistra, secondo cui, a fronte della riduzione delle risorse necessarie per erogare servizi, sarebbe ineluttabile e giustificata la cementificazione del territorio per ottenere gli introiti (in particolare oneri di urbanizzazione ed ICI) indispensabili a “mantenere in piedi la baracca”.
Tale convinzione, unita purtroppo alla diffusa insensibilità di molti amministratori verso la tutela del bello e talvolta alla volontà dei medesimi di compiacere acriticamente le esigenze degli operatori (talvolta degli speculatori), ha causato negli ultimi anni in troppe zone della nostra Provincia veri e propri scempi: il territorio del basso Garda è stato per buona parte distrutto da vere e proprie colate di cemento, le pianure  abbondantemente ricoperte di capannoni  spesso costruiti solo per usufruire di benefici fiscali ed oggi vuoti, la città e l’hinterland riempiti di costosi appartamenti rimasti invenduti, ovunque sono sorti enormi  centri commerciali, talvolta inutili, quasi sempre orrendi.
Che l’ubriacatura di cemento stesse raggiungendo livelli intollerabili e che da anni si stesse gonfiando una vera e propria “bolla” era fenomeno evidente per chi avesse voluto guardare la realtà senza infingimenti, ma la politica ha preferito cavalcare l’onda: come troppo spesso accade ha assecondato i processi invece che guidarli, ha cercato di trarre vantaggio da ciò che avrebbe dovuto, se lungimirante, contenere.

Ho trovato piena conferma alle mie convinzioni nella recente ricerca “Fabbisogno di abitazioni a Brescia e nella Provincia”  redatta, su incarico della Cisl Lombardia, dal Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano.
Alcuni dati:
- il consumo medio annuo di suolo in Lombardia è pari a 7 volte il consumo medio nazionale,
- ogni anno la Lombardia cementifica lo 0,21% della superficie proprio territorio complessivo
- la Provincia lombarda che consuma annualmente in termini assoluti la maggiore estensione di suolo (929 ha/anno nel periodo 1999/2004) è Brescia,
- l’Italia ha un patrimonio di edilizia pubblica pari al 4,5% del totale delle abitazioni, a fronte del 34,60 dei Paesi Bassi, del 21% della Svezia, ma anche del 17% della Francia e del 6,5 della Germania,
- da qui al 2018 si stima per la Provincia di Brescia un fabbisogno non soddisfatto di 134.358 vani di edilizia sociale (24.155 nel solo capoluogo) e di 37.690 di edilizia convenzionata (7.692 nel capoluogo) mentre si prevede un eccesso di 107.081 vani di edilizia libera (5.460 nel capoluogo).

Read More

Pro Energie Rinnovabili

Ci sono alcune ragioni per cui, a nostro avviso, appare piuttosto evidente l’inopportunità del decreto legislativo approvato dal consiglio dei Ministri lo scorso 3 marzo e che rischia di minare alla radice lo sviluppo delle energie rinnovabili in Italia.
La questione energetica è un (forse “il”) nodo geopolitico mondiale.
Una corretta gestione della stessa e l’aumento dell’indipendenza energetica dall’esterno dovrebbe costituire pertanto uno tra gli obiettivi primari del governo di un Paese.
Con gli argomenti che riportiamo di seguito non siamo a difendere a spada tratta il decreto vigente che norma gli incentivi alle rinnovabili, al fotovoltaico in particolare.
Certamente ci sono margini di miglioramento, ma scelte costruttive vorrebbero che questi vengano attuati non con provvedimenti estemporanei che, considerata la spinta che si vuole imprimere allo sviluppo del nucleare, viene il sospetto che tanto casuali non siano.
È quantomeno curioso infatti constatare che al decreto vigente, approvato fa questo stesso governo ad agosto 2010 ed entrato in vigore appena a gennaio 2011, venga data prospettiva di vita solo fino a fine maggio 2011.
Sul dopo regna l’incertezza totale: quanto di peggio per un investitore, che per muoversi chiede un quadro normativo certo e stabile, prima ancora della consistenza del vantaggio economico che ne può derivare.
Ecco di seguito quindi alcuni argomenti che, a nostro avviso, rendono assurda l’azione introdotta dal decreto.
1 - la qualità pessima dell’aria e le conseguenti targhe alterne che hanno vincolato in modo importante le nostre città, Brescia in particolare, nell’ultimo mese: quale costo hanno per la società? In termini economici immediati, ma anche in termini di salute dei cittadini? Ogni anno da 20 anni si sente ripetere “mancano interventi strutturali”, e qui si tagliano le gambe ad uno degli strumenti, abbinato alla riduzione dei consumi e alla produzione di veicoli elettrici e ibridi, che potrebbe portare alla soluzione del problema dell’inquinamento dell’aria nelle aree urbane e magari rilanciare un’industria automobilistica che potrebbe così guadagnarsi una posizione d’avanguardia nel mondo.
2 – la situazione geopolitica così come si sta configurando nel Nord Africa, con un’ampia fascia di Paesi (tra cui quelli dai quali noi compriamo buona parte del nostro gas) che si trovano in situazione di forte instabilità ed incertezza per il futuro. Il problema geopolitica non sarebbe sostanzialmente diverso per l’approvvigionamento di uranio, visto che non ne siamo produttori né trasformatori.
3 – i prezzi dei carburanti che vanno alle stelle: perchè nessuno mette a confronto il “costo delle rinnovabili nella bolletta degli italiani” con questo costo che ne svuota il portafogli? Perché nessuno confronta il costo delle rinnovabili con il costo attualizzato (vero e completo) del nucleare, compreso lo smaltimento e la custodia delle scorie per centinaia d’anni?
4 – un’economia inchiodata, che non muove un passo, e gli unici settori che in questi anni si sono difesi sono quelli legati all’efficienza energetica, alle rinnovabili, allo sviluppo sostenibile.
5 – una legislazione europea che invita a “rimuovere i vincoli allo svi.:luppo delle rinnovabili”; in questa c’è un trattato (il cosiddetto “20-20-20″) che ci impegna a ridurre i consumi e aumentare la produzione da fonte rinnovabile in modo significativo entro il 2020.
6 – la presenza di partiti al governo che si riempiono la bocca di federalismo (settentrionale e meridionale), raccolgono voti a mani basse sul territorio promettendo la difesa degli interessi locali, e non dicono una parola su questo atto che mira a sopprimere la produzione distribuita di energia (quanto di più democratico e federale si possa pensare) per avvantaggiare una gestione centralizzata del mercato energetico nazionale.
7 – partiti di opposizione che parlano di sostenibilità ma si fanno sfuggire l’occasione per inchiodare con le spalle al muro la maggioranza su un tema che abbraccia economia, finanza, sostenibilità, valorizzazione delle risorse locali.
8 – viviamo in un Paese che da anni lamenta l’assenza di investimenti dall’estero, e seghiamo alla radice uno dei pochi elementi che attraggono risorse dall’estero: ne sono testimonianza i numerosi fondi d’investimento internazionali che sono approdati in Italia negli ultimi anni e che, grazie a questo fenomeno, stanno anche costruendo legami con il tessuto imprenditoriale italiano.
Riteniamo siano argomenti sufficienti a motivare una presa di posizione di chi tra noi abbia il coraggio di guardare al futuro con la speranza di migliorare: non è certo l’unico tema “caldo”, ma certamente su questo fronte si gioca molto del modello socio-economico-culturale che intendiamo costruire: è simbolicamente lo snodo tra una società democratica e partecipata e uno Stato in cui il cittadino è considerato sempre più suddito, meccanismo di un sistema nel quale deve produrre per mantenere una fascia di potenti sempre più sottile e autorefernziale.
Andrea Re – Alessandro Gitti

A corollario di quanto scritto inseriamo un’interessante nota integrativa:

Read More

Una proposta per il giardino Odorici a Brescia

Come residente al Carmine e come mamma fruitrice del giardino Odorici considero la vicenda del parco un’opportunità per capire qual’é il reale modo di intendere il rapporto con la città e soprattutto con i suoi abitanti di questa amministrazione, al di la dei facili proclami.
In una logica di “concertazione e condivisione” che pare diventata la nuova stella polare della giunta, o di una sua parte, e nel tanto parlare che si fa in circoscrizione centro di bilancio partecipativo e di ascolto delle proposte dei residenti, è arrivato il tempo di ascoltare davvero la voce dei cittadini, di quelli che chiedevano di non chiudere la biblioludoteca, di non riaprire le ztl, di non trasformare le piazze in parcheggi, di non smontare la pensilina ed ora di non tagliare 38 piante in modo ingiustificato.
Il parchetto, diventato famoso suo malgrado soprattutto per il progetto di “riqualificazione” che prevede il taglio di 38 dei circa 50 alberi esistenti, è composto dalla collinetta con gli alberi e dai giardinetti sottostanti con i giochi dei bambini, elementi oggi separati gli uni dagli altri data la scarsa accessibilità della collinetta stessa.
L’obiettivo di una vera “riqualificazione” dovrebbe, a mio avviso, far diventare tutti gli elementi citati parte integrante di quella che per i residenti del centro, soprattutto per i più piccoli, è un’ isola di verde e di svago all’interno di un centro storico assai poco “verde”.
La voce dei cittadini, e in particolare dei primi fruitori del parchetto, i bambini, chiede spazi fruibili all’aperto, erba, giochi ma non a qualsiasi costo, ossia non attraverso l’abbattimento di alberi sani.
I residenti del quartiere e i genitori sentono il bisogno di luoghi di aggregazione, stanze per far giocare i loro figli ma anche per parlare e incontrasi tra loro in spazi che diventi luoghi di coesione e di integrazione per tutti. Non chiedono un bunker, pur se rimesso a nuovo.
Questo è anche ciò che come consiglieri del Partito Democratico chiediamo da quasi tre anni in consiglio di circoscrizione, sentendoci rispondere ogni volta “bello, giusto, vero…ma mancano i fondi”.
Questo é quello che continuerò a fare per i due anni che mi restano alla fine del mio mandato, reagendo ogni volta che un progetto viene calato dall’alto, come sta accadendo con la caserma Randaccio, altro luogo fondamentale per la nostra circoscrizione la cui destinazione a campus universitario non dovrebbe in alcun caso privare di spazi i residenti in centro storico ma che anzi andrebbe anch’esso “pensato” insieme.
All’amministrazione chiedo di ripensare insieme al quartiere il progetto di riqualificazione del parco, di farne un terreno di prova per superare le barriere ideologiche e guardare alle esigenze e ai bisogni dei nostri concittadini. Magari un progetto “ripensato” consentirebbe di risparmiare qualcosa rispetto alla spesa prevista (pari a 1.600.000 euro complessivi) destinando risorse economiche alla nostra circoscrizione e alle esigenze dei suoi residenti. 
Il parco Odorici può diventare il luogo simbolico nel quale l’attuale amministrazione si dimostri capace di mettere in pratica quanto fin troppe volte ha proclamato: ascoltare i bisogni, agire per priorità, tutelare le fasce più deboli, investire con rispetto del denaro pubblico.
Questa è la sfida che vorrei lanciare al Sindaco e alla giunta: fare del piccolo parco Odorici, oggi “isola che non c’è”, una vera isola di verde (non tagliato), di svago, di integrazione e di coesione sociale.

27 febbraio 2011
Laura Venturi
Consigliere PD Circoscrizione Centro

Read More

BresciaNONrespira: Pm10 fuori controllo

Amiche e amici di Bresciarespira, é trascorso un anno da quando leggevamo sui quotidiani locali parole di allarme per l’inquinamento da Pm10. Ad oggi la situazione é peggiorata – siamo a 25 giorni di esubero – e l’amministrazione persevera nel suo IMMOBILISMO COLPEVOLE. Lo scorso anno sindaco e assessori ci dicevano che “il quadro é sotto controllo” e annunciavano la costituzione di un “tavolo per il controllo e il monitoraggio della qualità dell’aria”. Ad oggi sappiamo che la situazione é FUORI CONTROLLO e che il tavolo non ha prodoto risultati. Dopo aver dato vita nel gennaio 2010 a Bresciarespira, con lo scopo di sensibilizzare la città, e soprattutto i genitori, al tema dell’inquinamento ed ai danni prodotti alla nostra salute ed a quella dei nostri figli, abbiamo deciso di aderire con altri amici al circolo Ecodem di Brescia proprio per unire le tante sensibilità sul tema ambientale e per fare qualcosa di concreto.

Read More

Fiumi Battete le Mani

Proponiamo questo intervento di Alex Zanotelli sulle ragioni del Referendum sull’acqua.
“FIUMI BATTETE LE MANI!”
Sono queste le parole del Salmo 98 che mi sono improvvisamente affiorate alla mente quando mi è stato comunicato che la Corte Costituzionale aveva dato il via al referendum sull’acqua. Dopo anni di impegno, un sussulto di gioia e di grazie al Signore che riesce ancora a operare meraviglie ,e un grazie allo straordinario “popolo dell’acqua” che ci ha regalato in due mesi un milione e mezzo di firme.
La Corte ha approvato due dei tre quesiti referendari: il primo, che afferma che l’acqua è un bene di non rilevanza economica, e il terzo che toglie il profitto dall’acqua. Che la Corte Costituzionale (piuttosto conservatrice) abbia accolto queste due istanze sull’acqua in contrasto con i dogmi del sistema neo-liberista, è un piccolo miracolo. E questo grazie agli straordinari costituzionalisti che le hanno formulate e difese, da Rodotà a Ferrara, da Mattei a Lucarelli senza dimenticare Luciani. Ma la grande vincitrice è la cittadinanza attiva di questo paese che diventa il nuovo soggetto politico con cui anche i partiti dovranno fare i conti. “I cittadini si sono appropriati del diritto di esprimersi sui beni comuni – hanno commentato A. Lucarelli e U. Mattei – sui beni di loro appartenenza, su quei beni che esprimono utilità funzionali all’esercizio dei diritti fondamentali. Si è dato così significato e dignità all’art.1 della Costituzione Italiana, ovvero al principio che assegna al popolo la sovranità in una stagione di tragedia della democrazia rappresentativa.”
Tutto questo apre a una nuova stagione di democrazia:  il cammino per riappropriarci dei beni comuni che ci sono stati sottratti.
Read More